Dolci/ Mousse & Dessert

Tartellette con Namelaka al Limone per l’8 Marzo

tartellette con namelaka al limone dolci 8 marzo

Due anni fa, in tempi non sospetti, avevo pubblicato la ricetta di un dessert al cucchiaio con protagonista la Namelaka al Limone. Oggi, rileggendo quell’articolo, riscopro che a idearla è stata proprio uno chef Giapponese. Chissà, forse già lo sapevo che quel viaggio che stavo per fare nel paese del Sol Levante mi avrebbe stravolto la vita e ampliato gli orizzonti!

La parola Namelaka deriva dal termine giapponese  滑らか (なめらか) un aggettivo che significato liscio, vellutato, cremoso. E a dirvi la verità, la trascrizione corretta di questo termine sarebbe Nameraka perchè nella lingua Giapponese il suono e la lettera L non esistono!

Per ingredienti la Namelaka potrebbe sembrarvi simile ad una banale ganache, poichè si prepara con panna fresca, latte e cioccolato. Leggendo il procedimento, però, vi renderete subito conto che è decisamente diverso da quello a cui siamo abituati.

Il cioccolato viene sciolto versandoci sopra una piccola parte di latte caldo al quale si è unita la gelatina in fogli,  mentre la panna viene aggiunta a freddo senza necessita di scaldarla o montarla.

Dopo aver emulsionato gli ingredienti con un minipimer vi ritroverete con una composto quasi liquido, ma sarà il tempo a fare la magia: mettendolo in frigorifero per almeno 12 ore (meglio se una notte intera) vi ritroverete con una crema della giusta consistenza, fondente e lucidissima.

E se ci sono ricette che richiedono la Crema Pasticciera classica, per tutto il resto c’è la Namelaka:

  • Si prepara in un lampo, senza sforzi: sarà il tempo a fare la sua magia.
  • Non contiene nè uova nè farina, il che la rende adatta anche agli intolleranti
  • È lucidissima e soda, perfetta per farcire e decorare crostate.
  • E versatile: potete usarla per farcirci dei bignè, per decorare delle torte o per dei dessert al cucchiaio. Ma non solo, potete anche prepararla in mille varianti di gusto cambiando il cioccolato o l’agrume da utilizzare.

tartellette con namelaka al limone dolci 8 marzo

Tra le diverse varianti, la Namelaka al Limone è una delle mie preferite: adoro il modo in cui l’agrume sposa la dolcezza del cioccolato bianco. La ricetta che ho usato è quella di Gianluca Fusto, pasticciere di cui vi consiglio i libri.

Dato che tra qualche giorno sarà l’8 Marzo, ho voluto utilizzarla per preparci delle Tartellette con Namelaka al Limone vagamente ispirate alla Torta Mimosa. Anzichè prerarare il classico di Pan di Spagna, le ho decorate con delle briciole di Mug Cake alla Vaniglia al cui impasto ho aggiunto del colorante giallo in gel (ma va bene anche quello liquido o in polvere).

Salvatevi la ricetta e provatele in qualsiasi stagione, perchè le Tartellette con Namelaka al Limone sono troppo buone per essere preparate un solo giorno all’anno!

tartellette con namelaka al limone dolci 8 marzo

Con questa stessa ricetta potete prepararci anche una classica crostata, decorandola a piacere con frutta fresca o briciole di pan di spagna per l’effetto Mimosa.


Instagram_iconSe provate questa o altre ricette presenti sul blog, scattate una foto al vostro dolce e condividetelo su Instagram usando l’hashtag #passamilaricetta e taggando il mio profilo, @passamilaricetta!

Creeremo una bellissima gallery da leccarsi i baffi!


Se ti va, dai un’occhiata anche a queste ricette:

👉 Cheesecake al Limone Senza Cottura

👉 Torta Mimosa in Barattolo

👉 Dessert Facile e Veloce con Namelaka al Limone

divisore-blog-post

Tartellette con Namelaka al Limone per l’8 Marzo: diamo un’occhiata alla ricetta!

Tartellette con Namelaka al Limone

Print Recipe
Cooking Time: 10M

Ingredients

  • Per la Pasta Frolla
  • 375 g di Farina 00
  • 255 g di Burro
  • 165 g di Zucchero a Velo
  • 1 Uovo intero
  • Scorza grattuggiata di 1 Limone
  • Per la Namelaka
  • 120 g di Latte intero
  • 200 g di Cioccolato bianco
  • 250 g di Panna fresca da montare
  • 70 g di Succo di limone
  • 3 g di gelatina di fogli (colla di pesce)
  • Scorza grattuggiata di 1 Limone
  • Per la Mug Cake
  • 80 g di Farina 00
  • 50 g di Zucchero
  • 30 g di Olio di Semi
  • 30 g di Latte
  • Un uovo Intero
  • Un cucchiaino di Lievito per Dolci
  • Colorante giallo

Instructions

1

Per le Tartellette: A mano o in planetaria con la foglia, sabbiate il burro con la farina. Aggiungete lo zucchero a velo.

2

Unite l'uovo intero e mescolate gli ingredienti quel tanto che basta per amalgamarli tra di loro.

3

Formate un panetto, avvolgetelo nella pellicola trasparente e lasciatelo riposare in frigorifero per almeno 30 minuti.

4

Stendete la pasta frolla a uno spessore di circa 4/5mm e foderate degli stampi per tartellette (o uno da 20/22cm per crostata). Bucherellate il fondo con i rebbi di una forchetta e, prima di infornarle, lasciatele 10 minuti del congelatore (così i bordi non scenderanno in cottura).

5

Cuocete in forno preriscaldato a 180°C per 10/15 minuti o fino a che non saranno dorate.

6

Lasciate raffreddare completamente prima di sformarle dagli stampi.

7

Per la Mug Cake: Mescolate lo zucchero con l'olio di semi. Aggiungete l'uovo, il latte, la farina, il lievito e il colorante.

8

Versate l'impasto in una o due tazze fino a riempirle a poco più della metà.

9

Cuocete a 800W per 2 minuti.

10

Lasciate raffreddare e sbriciolatele con le mani o "grattuggiandole" con un setaccio.

11

Per la Namelaka al Limone: Con le forbici, tagliate a pezzetti la gelatina e lasciatela reidratare in cinque volte il suo peso d'acqua, ovvero 15g.

12

Mettete il latte in un pentolino e scaldatelo fino ad un temperatura di circa 70°: unite la gelatina e fatela sciogliere bene.

13

Versate il latte caldo sul cioccolato bianco tagliato a pezzetti: mescolate con una leccapentole, cercando di sciogliere il cioccolato.

14

Aggiungete la panna fresca liquida ed emulsionate con un frullatore ad immersione, cercando di non inglobare aria.

15

Unite il succo di limone e la scorza grattuggiata.

16

Date un'ultima frullata. E' assolutamente normale che la crema si inspessisca un po': è l'effetto del contatto limone-latticini.

17

Versate la namelaka in un contenitore ermetico, copritela con della pellicola a contatto e lasciatela riposare in frigorifero per almeno 12 ore, meglio se una notte intera.

18

Assemblaggio: Il giorno seguente, mettete la Namelaka al Limone in una sac a poche e farcite le tartellette con degli spuntoni di crema. Decorate con le briciole di Mug Cake e con un rametto di Mimosa.

 

Summary
recipe image
Recipe Name
Tartellette con Namelaka al Limone
Published On
Preparation Time
Cook Time
Total Time

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply